Mathurin Bolze e Karim Messaoudi interpreti d’eccezione di BARONS PERCHÉS alle Fonderie Limone di Moncalieri, dal 15 al 18 settembre 2016, ospiti del Festival Torinodanza

Posted by on Set 12, 2016 in press_16


Giovedì 15 settembre 2016, alle ore 19.30, alle Fonderie Limone di Moncalieri, Mathurin Bolze debutta a Torinodanza con il suo secondo spettacolo, ispirato al Barone rampante di Calvino, dal titolo Barons Perchés. Con lui in scena Karim Messaoudi. Una creazione di 60 minuti pieni di poesia, leggerezza e stupore tra danza, teatro e acrobazia.
Lo spettacolo, programmato in collaborazione con La Francia in Scena e inserito in MITO SettembreMusica, verrà replicato al Festival di danza fino a domenica 18 settembre.

Una nuova creazione del genio del circo contemporaneo, Mathurin Bolze. Baron Perchés, il barone rampante, unisce danza, teatro e acrobazia in una formula che fonde sicurezza aerea, poesia e grazia. Costruito come il seguito del solo Fenêtres, questo duo in cui Bolze dialoga con Karim Messaoudi è ispirato alla scelta di Cosimo, protagonista del romanzo di Italo Calvino, di andare a vivere su un albero. Il talento di Bolze e Messaoudi è straordinario: la padronanza del corpo è assoluta e lo sforzo è reso invisibile trasformando la materia in astrazione poetica per far emergere il movimento nella sua purezza originaria. L’abilità maschera la tecnica, rende leggero e sospeso ogni movimento, possibile l’immaginabile.
Ritroviamo Bachir nella casa sull’albero con le finestre. Ma non è più solo. Con lui c’è qualcuno che è un se stesso più vecchio ma anche più giovane. Le domande si moltiplicano. Come è possibile che riesca a vedere il suo passato dall’esterno? È un’ombra di se stesso, un alter ego immaginario o è solo il frutto di un sogno o magari di un incubo? Potrebbe anche essere la proiezione di un desiderio o di un fantasma burlone. O forse ha inventato un amico immaginario per sentirsi meno solo oppure la vita sull’albero lo sta facendo impazzire e sta basculando, lui come la casa, lentamente verso la follia. Forse ha un fratello che prima non si era manifestato.
L’altro esiste davvero? E l’Altro con la A maiuscola? Il doppio genera il dubbio, instilla semi di angoscia e amplifica la curiosità come nei racconti di Poe e Dostoevskij e nei saggi di Freud. La casa diventa una gabbia reale e concreta in cui l’incredulità è sospesa, come la gravità che non esiste più, nel cubo di finestre. Tutto è possibile, fra il tempo che passa, la solitudine che rende insicuri e il desiderio di confrontarsi. Tutto è immerso in una bolla di incanto e meraviglia. Le acrobazie diventano quasi levitazione perché il pavimento elastico all’interno del piccolo spazio vitale della casetta sull’albero è un trampolino che sospende gesti e azioni ma soprattutto sospende il giudizio, il buon senso e i luoghi comuni, congelando la bellezza e la sorpresa in emozioni pure, indimenticabili.
60 minuti di magia, leggerezza e stupore in questa creazione della Compagnie Les mains les pieds et la tête aussi che rinnova l’originalità di Fenêtres in un’esplorazione multidimensionale che ammalia e seduce.  (Scheda tratta dal programma di Torinodanza 2016).

01_Comunicato BARONS PERCHÉS

02_Press Kit Fenetres & barons perche?s 2016

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrBuffer this pagePrint this page
Menu