A TORINODANZA 2016 L’ISRAELIANO ITZIK GALILI INSIEME AL BALLETTO TEATRO DI TORINO PRESENTA L’OMBRA DELLA LUCE. IN SCENA IN PRIMA ITALIANA ALLA LAVANDERIA A VAPORE DI COLLEGNO, IL 18 E IL 19 OTTOBRE 2016

Posted by on Ott 11, 2016 in press_16

 

Martedì 18 ottobre 2016, alle ore 19.30, e mercoledì 19 ottobre, alle ore 20.45, alla Lavanderia a Vapore (c.so Pastrengo 51, Collegno) debutterà, in prima italiana, L’ombra della luce uno spettacolo creato dall’israeliano Itzik Galili per il Balletto Teatro di Torino, coprodotto da Torinodanza festival e programmato in collaborazione la Fondazione Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale Multidisciplinare

La Fondazione Piemonte dal Vivo organizza un servizio di navetta dalla fermata Fermi della Metro alla Lavanderia a Vapore di Collegno. Il servizio è gratuito e non è necessaria la prenotazione. La navetta sarà disponibile da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo e per un’ora circa a fine spettacolo, effettuando più passaggi.

Uno stile unico, al tempo stesso elegante e raffinato, immediato, profondamente emozionale ma astratto e rigoroso nella pulizia delle linee e delle forme, umoristico e lirico, capace di esplorare la danza e i sentimenti attraverso la sensualità del corpo in movimento ma anche grazie alla luce e alla poesia che essa genera sul palcoscenico. Il coreografo israeliano Itzik Galili ha firmato oltre 70 spettacoli di successo fondando e dirigendo compagnie artistiche da Tel Aviv a San Paolo, dall’Avana a Helsinki, da Amsterdam a Torino, dove dal 2014 collabora con il Balletto Teatro di Torino diretto da Loredana Furno.
Lo spettacolo L’ombra della luce si compone di diverse coreografie in cui la luce è protagonista assoluta, capace di definire lo spazio, supportare le idee, dirigere il punto di vista e condurre nella magia.
Will-o’-the-Wisp racconta di una storia che dall’interno cerca di trovare la strada verso l’esterno. Tutti vogliamo essere unici anche se abbiamo comportamenti e abitudini simili. Ognuno di noi è alla ricerca di un percorso sospeso fra affermare la propria individualità ed essere apprezzati e riconosciuti da tutti. In Between L… i corpi sono semplici strumenti di danza in bilico fra la dualità del mondo interiore e quello esteriore della natura, del linguaggio e della vita quotidiana.
In Chameleon, su musica di John Cage, Galili invita le danzatrici a mostrare la loro versatilità attraverso un sottile gioco di metamorfosi: il comportamento muta adattandosi di continuo fra le mille sfumature che vanno dal romantico al grottesco in un rimando di fantasie dove le lacrime soppiantano il riso e la solitudine è l’anticamera dell’amore. Un percorso di consapevolezza femminile pieno di grazia e meraviglia.
Cherry Pink and Apple Blossom White nasce dopo un viaggio a Cuba ed è un energetico e divertente duetto sulla musica senza tempo di Pérez Prado: lei è una vamp tutta fianchi sinuosi, ondeggianti e impertinenti, lui un nerd impacciato trascinato a forza nel sottile e perfido gioco della seduzione. Ne nasce un incontro folle e scatenato pieno di scintille comiche e deliziose assurdità.
Ephemeron su musiche di Haytam Safia è un potente esempio della specificità del linguaggio coreografico atletico e rapido di Galili. Gesti veloci e spettacolari irrompono nella serenità, lampi di silenzio tingono lo spazio dell’azione, in un dialogo intimo fra pace e lacerazione. (Scheda tratta dal programma di Torinodanza 2016)

01_Comunicato L’ombra della luce

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrBuffer this pagePrint this page
Menu