A TORINODANZA 2016 L’ISRAELIANO ITZIK GALILI INSIEME AL BALLETTO TEATRO DI TORINO PRESENTA L’OMBRA DELLA LUCE. IN SCENA IN PRIMA ITALIANA ALLA LAVANDERIA A VAPORE DI COLLEGNO, IL 18 E IL 19 OTTOBRE 2016

 

Martedì 18 ottobre 2016, alle ore 19.30, e mercoledì 19 ottobre, alle ore 20.45, alla Lavanderia a Vapore (c.so Pastrengo 51, Collegno) debutterà, in prima italiana, L’ombra della luce uno spettacolo creato dall’israeliano Itzik Galili per il Balletto Teatro di Torino, coprodotto da Torinodanza festival e programmato in collaborazione la Fondazione Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale Multidisciplinare

La Fondazione Piemonte dal Vivo organizza un servizio di navetta dalla fermata Fermi della Metro alla Lavanderia a Vapore di Collegno. Il servizio è gratuito e non è necessaria la prenotazione. La navetta sarà disponibile da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo e per un’ora circa a fine spettacolo, effettuando più passaggi.

Uno stile unico, al tempo stesso elegante e raffinato, immediato, profondamente emozionale ma astratto e rigoroso nella pulizia delle linee e delle forme, umoristico e lirico, capace di esplorare la danza e i sentimenti attraverso la sensualità del corpo in movimento ma anche grazie alla luce e alla poesia che essa genera sul palcoscenico. Il coreografo israeliano Itzik Galili ha firmato oltre 70 spettacoli di successo fondando e dirigendo compagnie artistiche da Tel Aviv a San Paolo, dall’Avana a Helsinki, da Amsterdam a Torino, dove dal 2014 collabora con il Balletto Teatro di Torino diretto da Loredana Furno.
Lo spettacolo L’ombra della luce si compone di diverse coreografie in cui la luce è protagonista assoluta, capace di definire lo spazio, supportare le idee, dirigere il punto di vista e condurre nella magia.
Will-o’-the-Wisp racconta di una storia che dall’interno cerca di trovare la strada verso l’esterno. Tutti vogliamo essere unici anche se abbiamo comportamenti e abitudini simili. Ognuno di noi è alla ricerca di un percorso sospeso fra affermare la propria individualità ed essere apprezzati e riconosciuti da tutti. In Between L… i corpi sono semplici strumenti di danza in bilico fra la dualità del mondo interiore e quello esteriore della natura, del linguaggio e della vita quotidiana.
In Chameleon, su musica di John Cage, Galili invita le danzatrici a mostrare la loro versatilità attraverso un sottile gioco di metamorfosi: il comportamento muta adattandosi di continuo fra le mille sfumature che vanno dal romantico al grottesco in un rimando di fantasie dove le lacrime soppiantano il riso e la solitudine è l’anticamera dell’amore. Un percorso di consapevolezza femminile pieno di grazia e meraviglia.
Cherry Pink and Apple Blossom White nasce dopo un viaggio a Cuba ed è un energetico e divertente duetto sulla musica senza tempo di Pérez Prado: lei è una vamp tutta fianchi sinuosi, ondeggianti e impertinenti, lui un nerd impacciato trascinato a forza nel sottile e perfido gioco della seduzione. Ne nasce un incontro folle e scatenato pieno di scintille comiche e deliziose assurdità.
Ephemeron su musiche di Haytam Safia è un potente esempio della specificità del linguaggio coreografico atletico e rapido di Galili. Gesti veloci e spettacolari irrompono nella serenità, lampi di silenzio tingono lo spazio dell’azione, in un dialogo intimo fra pace e lacerazione. (Scheda tratta dal programma di Torinodanza 2016)

01_Comunicato L’ombra della luce

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close