A TORINODANZA 2016 IL FASCINO CLASSICO DI ANGELIN PRELJOCAJ CHE PORTA ALLE FONDERIE LIMONE DI MONCALIERI ANNONCIATION E ALTRI PEZZI. In scena il 28 e 29 ottobre 2016.

 

Venerdì 28 ottobre 2016, alle ore 20.45 e sabato 29 ottobre, alle ore 19.30, alle Fonderie Limone di Moncalieri, Torinodanza proporrà Annonciation e altri pezzi del coreografo Angelin Preljocaj. Lo spettacolo è programmato in collaborazione con La Francia in Scena.

Una serata di composizioni del coreografo francese di origini albanesi Angelin Preljocaj, maestro del contem¬poraneo diventato classico, un excursus che ripercorre le sue principali coreografie. La prima parte della serata si apre con due estratti da Ritorno a Berratham, creazione per il Festival d’Avignon 2015, dove un uomo fa ritorno a un luo¬go che ha lasciato poco prima della guerra, ossessionato dall’idea di ritrovare la giovane amata. Il solo Fiamma è un estratto da Le Notti, la creazione realizzata per Marseille-Provence Capitale Europea della Cultura 2013. A partire da Liqueurs de chairs (1998), Angelin Preljocaj si concentra sulla nozione di erotismo, in un contesto più fiammeggiante, mantenendo il mistero e il fascino che l’Oriente produce ancora nell’inconscio collettivo. Si prosegue con tre estratti creati per il New York City Ballet: Spectral Evidence del 2013 in cui quattro donne e quattro uomini abitano un paesaggio geometrico e pulsante, contrastato e disarticolato sulla musica di John Cage, mentre il duo di Le Parc, del 1994 per l’Opéra di Parigi è un inno all’amore fra dubbi e passioni come fuga dal quotidiano sulle note di Mozart. La Stravaganza del 1997, è una danza virtuosa e sontuosa, in cui due gruppi confrontano le loro culture fino a mescolarsi senza perdere ricordi e origini, come nella storia dell’immigrazione americana.
Ancora due duetti da Biancaneve, creato nel 2008 per il Ballet Preljocaj, balletto romantico e contemporaneo sulla forza universale dei simboli nella fiaba di Biancaneve, letta come Edipo inverso con la musica di Gustav Mahler e gli splendidi costumi di Jean Paul Gaultier, che incorniciano un utopico scontro tra giganti dell’arte. In Paysage après la Bataille (1997) Preljocaj coreografa il risultato di giochi immaginari dallo scrittore Joseph Conrad e dal pittore Marcel Duchamp.
Nella seconda parte Annonciation, duetto del 1995. Immortalato dall’arte pittorica ma ignorato da quella coreutica, l’incontro fra la Vergine Maria e l’Arcangelo Gabriele cambia la storia. Una raffica di sensazioni contraddittorie investe la giovane sospesa fra paura e gioia, accettazione e ribellione, incredulità e devozione. L’angelo irrompe nel suo privato con gesti potenti, energici e dinamici e in 25 intensi minuti lo spa¬zio si fonde con il tempo e l’istante del concepimento diventa l’inizio della creazione artistica, il momento in cui l’arte non è un concetto ma reale incarnazione. Le due danzatrici vivono un transfer amoroso di crescente complicità. I gesti solenni, ieratici, guerrieri di Gabriele incontrano quelli timorosi di Maria in un dialogo di opposti sottolineato anche dalla musica di Stéphane Roy in contrasto con il Magnificat di Vivaldi. La corporeità porta la vita nella carne che da immacolata diven¬ta sensuale: la brutalità incontra la tenerezza, la metafora si stempera nella letterarietà, l’erotismo penetra la bellezza. I movimenti sono espressivi, eleganti e inventivi. La luce accarezza la scena con la potenza dei quadri di Simone Martini ma le due indossano abiti moderni che le trasportano nell’eterno presente dell’istante. La spiritualità si fa carne, la carne sublima la grazia trascendendo la delicatezza dei quadri. Sensualità ed estasi religiosa vibrano insieme in una composizione intensa, forte, concentrata, in cui nulla è superfluo ma tutto necessario. (Scheda tratta dal programma di Torinodanza 2016)

 

01_Comunicato stampa ANNONCIATION E ALTRI PEZZI

02_new_Press_BN_2014_english

03_RDP Annonciation

04_RDP_La_Stravaganza_en

05_RDP_Retour_a_Berratham

06_RDP_Spectral_Evidence_en