ODIO

Lavanderia a Vapore di Collegno
13 ottobre 2016 ore 19.30
prima italiana

ITALIA
coreografia Daniel Abreu
per e con Fattoria Vittadini

danzatori Chiara Ameglio, Noemi Bresciani,
Vilma Trevisan
direttore tecnico Giulia Pastore
light designer Irene Cantero
foto di Mirella e Augusto De Bernardi

Produzione Fattoria Vittadini con il sostegno di Fondazione Cariplo
in coproduzione con Torinodanza festival, Les Halles de Schaerbeek e in collaborazione con Arteven Circuito Teatrale Regionale Veneto, Teatro Comunale Città di Vicenza, AMAT - Associazione Marchigiana Attività Teatrali

Spettacolo programmato in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo - Circuito Regionale
Multidisciplinare

fattoriavittadini.it →

ODIO FATTORIA VITTADINI


Come ci si comporta quando si prova odio, in quanti modi si può esprimere per immagini la sua forza così travolgente? Tutto può trasformarsi in avversione e poi nel suo contrario: le contrazioni e contraddizioni muscolari, l’opposto di ogni simbolo, l’incomprensione, la non accettazione. Eppure l’odio reclama un’esigenza di affermazione e un bisogno di appartenenza, la necessità istintiva di lasciare la propria orma. Se siamo capaci di odiare, allora siamo in connessione con l’altro che diventa l’oggetto del nostro sentimento.

In questa composizione del coreografo nato a Tenerife Daniel Abreu, tre interpreti femminili raccontano questa forza primigenia e si coinvolgono con un impulso distruttivo in cui emerge l’idea di strumentalizzare l’altro da sé.  L’odio prende vita in un insieme di figure che mettono in discussione la sua idea originaria e ne esprimono l’essenza al di là di ogni morale. Un’incomprensione, una forma malsana di amore esplorata in tutte le sue possibili discordanze, da come nasce e cresce nutrendosi di paure e desideri a come si trasforma, all’impulso al gesto fino alla danza in un fluire organico di risposte fisiche ed emozionali.
Lo spettacolo è il risultato della collaborazione tra il coreografo Daniel Abreu, selezionato attraverso il bando “C4C-call for choreographer” e Fattoria Vittadini. Il gruppo nasce nel 2009 con la volontà di affermare che è nel lavoro condiviso e nell’idea di collettività una possibile soluzione alla crisi di un sistema sempre più congestionato. Un collettivo eterogeneo e versatile che mette a disposizione di coreografi esterni le proprie qualità, il proprio linguaggio e la propria professionalità e che parallelamente, prosegue anche l’indagine di una personale poetica attraverso la creazione di coreografie interne. Nel corso degli anni Fattoria Vittadini ha lavorato con importanti coreografi, presentando i propri lavori in numerosi festival e teatri, sia in Italia che all’estero.

How many ways are there to experience hatred and how can one come to hate oneself through others? It is almost always due to the need to assert oneself, to belong, to leave one’s mark. If we hate, we are linked to something or someone who becomes the object of our emotion. In Daniel Abreu’s choreography, the power of hatred is explored in all its forms, from how it first appears to how it grows by feeding on fear and desire, to how it transforms us. From the impulse to the gesture and then to dance, in an organic flow of physical and emotional responses. This Italian premiere has been produced in collaboration with Fattoria Vittadini, a collective that was developed out of the Atelier di Teatro-Danza, a theatre-dance collective that is part of the Scuola Paolo Grassi. Its firm belief is that in times of crisis, the idea of community and shared work may turn out to be a possible solution


La Fondazione Piemonte dal Vivo mette a disposizione del suo pubblico un servizio di navetta dalla fermata Fermi della metro alla Lavanderia a Vapore di Collegno.
Il servizio è gratuito e non è necessaria la prenotazione.
La navetta sarà disponibile da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo e per un’ora circa a fine spettacolo, effettuando più passaggi.
13 ottobre: dalle 18.45 e a fine spettacolo

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone
Torinodanza festival 2016