TORINODANZA FESTIVAL 2019

Torinodanza festival 2019, diretto da Anna Cremonini e realizzato dal Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, prosegue la sua esplorazione del mondo attraverso le visioni e le sensibilità degli artisti e approfondisce la linea tracciata lo scorso anno, invitando i coreografi che hanno saputo offrire chiavi di interpretazione e modalità di riflessione intorno ai grandi temi che la modernità impone. L’attenzione verso l’altro, l’incontro con culture diverse, la tensione verso nuove forme di spiritualità sono alcuni motivi che segnano la nuova edizione di Torinodanza.

Torino, durante il festival che si svolgerà dall’11 settembre al 26 ottobre 2019, diventerà il punto di riferimento della coreografia internazionale: 2 mesi di programmazione, 19 titoli per 36 rappresentazioni, 9 diversi luoghi di spettacolo, 7 prime nazionali, 2 coproduzioni internazionali, 11 paesi coinvolti (Argentina, Belgio, Brasile, Cina, Francia, Inghilterra, Irlanda, Italia, Israele, Scozia, Spagna), oltre 200 artisti, operatori, tecnici da tutto il mondo.

«Torinodanza festival – dichiara Anna Cremonini – conferma e rafforza la propria vocazione internazionale proponendo le opere di quegli artisti che, con le loro creazioni, raccontano il mondo, osservano le contraddizioni del nostro tempo, trasformandole in pensiero, visioni, riflessioni artistiche, etiche e anche politiche. In una società globalizzata i temi più urgenti si assomigliano e tendono a convergere in una lettura complessa della nostra attualità. Il progetto che anima il festival si muove in quel tessuto che rappresenta il punto più avanzato della ricerca, guardando soprattutto alla generazione dei post-maestri, artisti che scrivono oggi la storia viva di questa disciplina che per statuto e vocazione non conosce confini, parlando la lingua universale dell’anima e del corpo. Se pure si vuole indicare una nazionalità d’origine, i nostri artisti sono cittadini di un mondo aperto, transnazionale, multietnico e pluridisciplinare. Anche l’Italia che balla parla una lingua universale che ogni giorno conquista nuove platee, su cui Torinodanza scommette e investe per sostenere la loro meritatissima diffusione».

L’INAUGURAZIONE DEL FESTIVAL

L’inaugurazione di Torinodanza sarà programmata al Teatro Regio mercoledì 11 settembre 2019, alle ore 21.00, con SUTRA spettacolo considerato un cult del nuovo Millennio, creato da Sidi Larbi Cherkaoui con i Monaci del Tempio cinese Shaolin e la collaborazione dello scultore Antony Gormley. Con questo pezzo l’artista belga raggiunge forse il punto più alto della sua personale sintesi tra filosofia orientale e pensiero occidentale. L’incontro che si celebra in Sutra è tra la danza contemporanea di matrice occidentale e la pratica del kung fu: il risultato è uno spettacolo energico, fortemente razionale nelle linee geometriche della coreografia, in cui la specialità delle arti marziali rivela tutta la sua eleganza, bellezza, rigore e forza. Lo spettacolo sarà replicato il 12 settembre.
Con questa inaugurazione si suggella il ruolo di Sidi Larbi Cherkaoui come artista associato di Torinodanza, presente anche con la sua ultima creazione, Session, una coproduzione del festival, programmata a Torino in esclusiva per l’Italia.
Sutra, è inserito in MITO SettembreMusica, con cui prosegue la ormai consolidata collaborazione.

01_Immagine guida Torinodanza 2019

02_Comunicato stampa Torinodanza

03_Scheda Direttore Festival Torinodanza

04_Scheda Direttore Presidente TST

05_Programma Torinodanza 19

06_Scheda_#VERTIGINE

07_Scheda Regione Piemonte

08_Scheda Città di Torino

09_Scheda Compagnia di San Paolo

10_Scheda Intesa Sanpaolo

11_Scheda MITO

12_Mappa_Torinodanza

TRAILER TORINODANZA 2019

 

 

Fotografie spettacoli